INTERVISTA A YURI ABIETTI

Novembre 11, 2010 0 Commenti Intervista da DBooks.it

Abbiamo avuto il piacere e l'onore di intervistare Yuri Abietti, l'autore di Ultimo Incantesimo pubblicato e scaricabile gratuitamente da dbooks.it


Ultimo Incantesimo è un libro che racchiude 17 racconti scritti nell’arco di ventitré anni. Quanto riconosci ancora di te rileggendo ora i primi racconti che hai scritto?
Non è una domanda facile: dal punto di vista stilistico è evidente che i primi racconti sono più ingenui mentre mi riconosco maggiormente in quelli più recenti. Tuttavia, al di là del "come", mi riconosco ancora molto nel "cosa": tra i primi racconti ci sono comunque messaggi e idee che ritengo validi anche oggi. Alcuni, invece, sono stati ispirati da momenti particolarmente difficili e, attualmente, sono felice di poter dire che li vedo come molto distanti. Penso che se si scrive con sincerità, si infonde una sorta di istantanea della propria esistenza nella propria opera. Questo significa che quando si cambia (come è auspicabile nella vita) si rileggono le cose scritte anni prima come se l'autore fosse un'altra persona. È difficile a dirsi: dipende davvero molto da racconto a racconto.
C’è un motivo particolare per cui proprio ora hai deciso di pubblicare questa raccolta?
L'occasione che mi è stata offerta da dBooks, grazie al formato digitale! Ho pensato che sarebbe stato divertente avere in forma di e-book i racconti che avevo pubblicato sul mio sito web nel corso degli anni, oltre a un paio di inediti che sono presenti solo nella raccolta.


Cosa ti ha spinto a pubblicare Ultimo Incantesimo in forma gratuita?
Come dicevo, a parte due racconti che sono stati inseriti nell'e-book per la prima volta, tutti gli altri racconti erano già stati pubblicati sul mio sito:www.abietto.net. Non mi sembrava corretto mettere a pagamento, per quanto a poco prezzo, qualcosa che era già quasi completamente disponibile online. Certo, il formato di libro digitale è più comodo da leggere di una pagina web, e questo è il motivo per cui ho pensato di realizzare la raccolta in questa forma, ma volevo che tutti potessero scaricare il libro senza problemi. Se poi piacerà, deciderò cosa fare con i prossimi eventuali lavori inediti...


I racconti sono una forma di scrittura a te congeniale?
Decisamente... la realtà è che sono troppo pigro e incostante per un romanzo lungo! Ne ho un paio nel cassetto che, chissà, prima o poi magari riuscirò a terminare e a pubblicare! Il racconto breve è una forma di narrazione unica, poiché si deve incentrare in modo chiaro e conciso su una singola idea, su una sola immagine, il più caratteristica e forte possibile. Amo i racconti anche da lettore, soprattutto quelli che contengono degli inaspettati colpi di scena. In questo, autori come Fredric Brown, Arthur Conan Doyle o Stephen King, sono decisamente dei maestri.


Quali sono i tuoi progetti futuri? C’è qualche libro nel cassetto pronto a uscire?
Come dicevo, sì e no. Ci sono un paio di libri nel cassetto, ma sono ancora lungi dall'essere pronti a uscire. In particolar modo, sto lavorando (molto lentamente e faticosamente) a un romanzo science-fantasy che, se mai venisse terminato, potrebbe persino essere il primo di una serie. Non sono le idee che mancano, quanto il tempo e la pazienza di svilupparle e stenderle narrativamente nella giusta forma. Ma chissà... :)


Perchè hai scelto di pubblicare un libro tramite l'editoria digitale preferendola al tradizionale formato cartaceo?
Non ho nulla contro l'editoria cartacea, ovviamente, ma penso che si andrà sempre di più verso forme di produzione, distribuzione e vendita virtuale. Questo, naturalmente, complicherà non poco le cose poiché arriverà a sconvolgere tutto ciò che conosciamo del sistema attuale. Non serviranno più stampatori né corrieri e, fortunatamente, le foreste di tutto il mondo potranno tirare un sospiro di sollievo. La questione è piuttosto complicata poiché finora non ci siamo mai posti davvero una domanda fondamentale: quando acquistiamo un libro, stiamo comprando un prodotto, un oggetto, oppure stiamo pagando le idee che contiene? E che senso ha pagare un file che può essere replicato all'infinito in modo assolutamente perfetto a costo zero? Dovremo porci simili domande e modificare radicalmente, io credo, il nostro rapporto con i concetti di "prezzo" e "valore", che troppo spesso vengono confusi. Come si dice in Cina... Viviamo in tempi interessanti!

 

Banner
Banner
Banner
«»
Maggio 2017
DLMMGVS
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031